Ipnosi e Ipnosi Regressiva

“Un viaggio nel passato

Per comprendere il presente”

 

Cos’è l’ipnosi?

Inizio specificando cosa non è:

  • Non è sonno
  • Non è perdita di coscienza
  • Non è perdita di controllo

Siamo purtroppo stati abituati dalla tv a conoscere un’ipnosi da palcoscenico dove le persone vengono indotte a fare cose imbarazzanti che non si sognerebbero mai di fare in uno stato di veglia, ma questa fortunatamente, non ha nulla a che vedere con il vero stato di trance ipnotica.

  • L’ipnosi è uno stato alterato di coscienza naturale sperimentato da ognuno di noi molte volte durante la stessa giornata.
  • Si tratta di uno stato di rilassamento profondo in cui siamo pervasi da una consapevolezza e concentrazione amplificata, durante il quale il recupero delle memorie remote è possibile ed amplificato.
  • È un processo di comunicazione che permette alle parti razionali (consce) ed irrazionali (inconsce) della mente di favorire una ricerca interiore, fondamentale per chiarire la genesi e la dinamica dei sintomi e per risolverli.
  • È un pratica assolutamente sicura.
  • Viene considerata una potente ed efficace tecnica terapeutica per l’intervento su molti disagi psicologici, come dolore, ansia, dipendenze, traumi, fobie..
  • L’ipnosi è una condizione favorita dal grado di motivazione del soggetto e risulta fortemente correlata ad aspetti di natura neuro-psico-fisiologici.

Che differenza c’è tra sonno e ipnosi?

In realtà queste condizioni sono completamente differenti le une dalle altre, poiché a parte alcuni aspetti di natura fisiologica (come calo della pressione arteriosa, diminuzione del battito cardiaco, ritmo della respirazione e rilassamento muscolare), tutti gli altri parametri sono differenti (ritmo alfa, attenzione verso l’esterno, movimenti oculari, stato di reattività).

Durante lo stato di trance ipnotica inoltre, il livello di concentrazione è incrementato mentre nel sonno è nettamente ridotta se non assente.

Perché si parla di Ipnosi Regressiva?

Ogni ipnosi che intenda risolvere a capire l’origine di un problema attuale, è detta regressiva poiché induce la persona a scavare nel proprio passato più recente o remoto.

È un metodo in grado di facilitare il riaffiorare di eventi traumatici rimossi, che influenzerebbero la vita della persona, causandole disturbi di natura psicologica e talvolta anche fisica. Attraverso questa pratica è possibile depotenziare la carica emotiva negativa e rielaborare con maggiore distacco eventi negativi e problematici.

L’ipnosi regressiva è una componente valida, all’ interno di un percorso psicoterapeutico mirato.

Ipnosi Regressiva alle Vite Precedenti: Molti medici e psicoterapeuti che praticavano l’ipnosi ai loro pazienti, alla domanda “torna con la mente al momento in cui il tuo problema ha avuto origine”, si accorsero che alcuni di loro regredivano non solo ad eventi inerenti la loro vita attuale, ma si spingevano a volte ben oltre, ritrovandosi in vite precedenti.

Ian Stevenson, psichiatra canadese; Raymond Moody, psichiatra americano; Brian Weiss, psichiatra americano; Thorwald Dethlefsen, psicologo psicoterapeuta tedesco, sono solamente alcuni tra i più famosi ipnologi che hanno condotto numerosi studi e ricerche riguardo l’ipnosi regressiva alle vite precedenti. In Italia sono noti come ipnologi il Prof. Antonio Valmaggia, il dr. Angelo Bona e Alex Raco.

Quali sono i vantaggi dell’Ipnosi Regressiva?

  • La meraviglia della scoperta del tuo “Progetto di Vita” grazie al significato delle consapevolezze affiorate;
  • La possibilità di scoprire chi eri in una tua precedente vita;
  • Il piacere di migliorare il rapporto con te stesso e con gli altri;
  • La soddisfazione di conoscere il perché dei tratti peculiari del tuo carattere: le inclinazioni, le preferenze, gli interessi…
  • La gioia di raggiungere la completezza e l’individuazione del tuo Sé;
  • La possibilità di risolvere fobie, disturbi psicosomatici, difficoltà caratteriali che ci ostacolano nel presente;
  • L’emozione di un viaggio spirituale in “altri luoghi” e in “altre esistenze” per ritrovare la bellezza di chi sei stato e di chi sei ora veramente (o chi vorresti essere)

Controindicazioni all’ipnosi.

Tutti possono essere ipnotizzati, ma poiché questa tecnica può riportare alla luce eventi particolarmente complessi, è necessario avere una personalità ben strutturata, con un “Io” stabile. Ecco perché non è consigliabile sottoporre ad ipnosi regressiva: i bambini, gli adolescenti, persone con psicosi, con disturbo di depressione maggiore, pazienti che assumono farmaci neurolettici (antispicotici, anticonvulsivanti).

Richiedi ora la tua seduta di Ipnosi Regressiva

Per poter richiedere una seduta di ipnosi regressiva è necessario

  • essere maggiorenni
  • possedere una personalità stabile e non compromessa da patologie psichiche (quali depressione, disturbi di personalità)
  • non assumere farmaci che possano influire sulla capacità di valutazione e  giudizio ed in generale sulla psiche.
  • Non è possibile fare Ipnosi in videochiamata, quindi è indispensabile la presenza in studio.

Pertanto, PRIMA di effettuare il pagamento della caparra, è necessario compilare ed inviare il modulo di “richiesta di seduta di ipnosi regressiva” riportato qui sotto ed attendere di essere ricontattati.

Modulo di Richiesta Seduta Ipnosi Regressiva

1 + 7 = ?

Caparra Ipnosi Regressiva

Ipnosi per ridurre ansia e lievi stati di disagio

(FRUIBILE ANCHE ONLINE)

Durante questo periodo di quarantena siamo stati sottoposti a innumerevoli momenti durante i quali ci siamo sentiti sopraffatti dall’ansia, dalla paura o da altri disagi, come insonnia, cefalea ricorrente, sbalzi d’umore e così via.

L’utilizzo dell’ipnosi in questi casi può essere utile ad alleviarne i sintomi e a ridurne la frequenza.

Questa tipologia di ipnosi può essere svolta, oltre che in studio, anche online, attraverso l’utilizzo di skype. Nel caso si richieda una seduta ipnotica online è indispensabile che la connessione sia stabile e sufficientemente potente da supportare l’intera durata della videochiamata.

Chi può richiederla?

Chiunque sia maggiorenne, residente in Italia o all’estero.

Come fare per prenotare una seduta ipnotica di questo tipo?

E’ sufficiente compilare il modulo sottostante inserendo i dati richiesti, attendere la risposta, ed una volta ottenuta quest’ultima, procedere con il pagamento anticipato.

Nel caso si intendesse richiedere una seduta ipnotica in studio, è necessario specificarlo nella richiesta.

Modulo di Richiesta Seduta Ipnosi per Ansia e disagi lievi

0 + 8 = ?

Ipnosi Ansia e disagi lievi